8.7.05

Il luogo comune del dolore



[pubblicato anche su TvBlog]

Non c'è strage, carneficina, attentato, esplosione, ecatombe occidentale che non preveda, il giorno successivo, la fotografia o la zoomata sull'uomo o la donna comune (meglio se con ragazzino in braccio) che - un pò imbarazzato, un pò commosso e molto fiero di dare bella mostra di sé al mondo insensibile - si inginocchia ad aggiungere un fiore, un biglietto o un peluche alla massa di fiori, biglietti o peluches già posti in loco da altri e a loro volta ripresi, zoomati, fotografati.

Questo luogo comune delle tragedie collettive, è un ulteriore tassello grottesco del baraccone che si scatena nel momento in cui l'attenzione morbosa dei media viene calamitata dalla "solita" routine: l'impiegato ferito (sempre quello), la donna che piange, il bimbo atterrito nelle braccia del padre. E, l'indomani, la prostrazione nel campo dei fiori. Vedere i siti delle testate più importanti per credere: gli elementi si ripetono in modo inquietante e ridondante. Una specie di globalizzazione - televisiva e fotografica - del rito. Si tratti di una bomba, di un'onda anomala, di una principessa deceduta dentro ad un tunnel, di una curva dello stadio: l'omino o la donnina inginocchiati - con fiore in mano, colti nell'istante della posa da una prospettiva rasoterra per aumentare il pathos - non mancano mai.

Uno dei tanti modi per esorcizzare le nostre paure e manifestare quel cordoglio peloso, da esportazione. Pronti a recarci a donare un fiore, ma refrattari a qualsiasi presa di coscienza politica.

0 Comments:

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home